Abissino

Il gatto di razza Abissino

Nonostante sia la razza di gatto più diffusa, ancora oggi ci sono disaccordi sull’origine del gatto Abissino, che somiglia molto alle immagini che gli egizi raffiguravano nelle loro sculture e dipinti. L’origine del suo nome è invece da imputare alla prima importazione in Gran Bretagna per l’esibizione ad una mostra felina. Di recente studi genetici attribuiscono la provenienza storica alle coste dell’Oceano Indiano e da qualche zona del Sud-Est Asiatico.

La peculiarità del pelo del gatto Abissino è di essere costituito da bande, in cui si alternano il colore base ed il colore vero e proprio. Un maschio adulto pesa in media dai 3,5 ai 4,5Kg mentre una femmina adulta pesa in media dai 2,3 ai 3,7Kg. Un cucciolo pesa, in media, dai 70 ai 120 grammi. La curiosità sta nel fatto che, da cuccioli, non presenta bande di diversi colore, che sopraggiungeranno gradualmente a partire dal termine del primo mese di vita.



zooplus.it

Un gatto Abissino termina la propria crescita fra i 18 ed i 24 mesi, sia nella struttura corporea che nel colore. Gli occhi ed il loro colore si definiscono stabilmente entro lo stesso periodo. Il maschio è solitamente più lento della femminuccia nella crescita ed la conquista della maturazione sessuale cambia da soggetto a soggetto. Talune gatte raggiungono il primo calore dal sesto mese di età. I maschi sono in grado accoppiarsi dagli otto mesi in avanti anche se, in genere, la maturità sessuale si raggiunge verso il decimo mese.

Se il gatto è sano e viene mantenuto tale, alimentato con cura, correttamente immunizzato e controllato dal veterinario, che conduca un’esistenza senza particolari stress, può raggiungere i 18/20 anni di età. Questa razza non è particolarmente fragile; non ha bisogno di cure particolari. Come quasi tutti i gatti di razza, quindi selezionati, può soffrire di alcune malattie genetiche.



zooplus.it

Come ogni gatto a pelo corto non ha bisogno di cure particolari. Sarà sufficiente dare loro una spazzolata, una volta alla settimana, con l’apposita spazzola di gomma a denti corti, evitando quelle con i denti di ferro, più adatte ai gatti a pelo lungo. In caso non si voglia usare la spazzola, si può sostituire un panno di pelle di daino o le mani bagnate, facendole scivolare nel verso del pelo.

Da adulti, sia la femmina che il maschio, se non sterilizzati, potrebbero marcare il territorio con urine e feci. Questo atteggiamento scompare con la sterilizzazione. Il calore delle femmine possono presentarsi frequentemente, anche ogni una o due settimane. Un micio castrato non soffre per niente dell’assenza di attività sessuale: semplicemente non sentirà più l’impulso.

Questa razza si mantiene in forma naturalmente, per la loro tendenza a muoversi e, per questo, non devono essere in piccoli spazi. Possono certamente stare in appartamento ma non devono avere spazi chiusi, ne essere relegati in casa. Sono curiosi e gli piace giocare, si deve lasciarli fare a loro piacimento.I muscoli delle loro cosce non devono essere nascosti da grasso, si devono intravedere e, nel caso contrario, sono indice di scarso movimento e si deve correre ai ripari.

Torna all’elenco razze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *